GOLDEN HILL di Francis Spufford

Si tratta di uno dei libri più belli che mi siano capitati fra le mani negli ultimi due anni. Bello per la profondità psicologica dei personaggi, per la cura dell’ambientazione storica e per il twist finale, davvero sorprendente.

Il romanzo è ambientato nella New York dei primordi, popolata da coloni di origine olandese, dediti a una prospera attività di commercio.

Qui arriva un misterioso gentleman inglese, che dispone di un’ingente quantità di denaro, il che desta la curiosità dei primi cittadini, i quali lo accolgono in società come uno di loro.

La vicenda si sviluppa su fasi alterne, e comprende anche una storia d’amore. Vi vengono descritti gli usi e costumi dei primi coloni, il loro rapporto con gli schiavi negri e il conflitto con la corona inglese.

Il finale farà luce sul motivo che ha spinto il protagonista a recarsi in America e sulla sua segreta missione.

Un romanzo destinato a chi ama il genere storico, ma non soltanto. Piacerà a tutti coloro che si interrogano su certi pregiudizi mentali che permangono anche nel nostro tempo, che il finale del romanzo mette a nudo.

https://www.bollatiboringhieri.it/libri/francis-spufford-golden-hill-9788833929149/