Il metodo dei Cristalli di Neve

Consiglio caldamente un metodo di scrittura creativa ideato da Randy Ingermanson e denominato Metodo dei Cristalli di Neve. Si tratta di un metodo articolato in più fasi, per la cui comprensione la cosa migliore è leggerne la descrizione originale:

https://www.advancedfictionwriting.com/articles/snowflake-method/

Probabilmente il termine fiocchi o cristalli di neve non vi dice niente. Con questa metafora si intende un metodo di ‘costruzione modulare’ della storia.

Ciò significa che dovrete partire da un’ossatura essenziale, che poi andrete ad arricchire di vari moduli. I moduli aggiuntivi andranno ad aggregarsi ai moduli iniziali, proprio come cristalli di neve, fino a formare una struttura compiuta.

Di seguito cercherò di riassumere il metodo:

  1. Iniziate formulando la storia in un’unica proposizione:
    questa frase dovrà contenere la situazione di partenza, lo sviluppo e il finale.  Normalmente avrete un personaggio che cerca di ottenere qualcosa, si trova ad affrontare vari ostacoli e alla fine raggiunge o non raggiunge l’obiettivo
  2. Trasformate quindi questa unica proposizione in 5 frasi:
    ciascuna frase dovrà corrispondere ad una fase della storia.
  3. Fate una scheda per ciascun personaggio:
    caratterizzate il personaggio con biografia, peculiarità, motivazioni, obiettivi, ostacoli, cambiamento che subisce durante la storia
  4. Trasformate le 5 frasi del punto 2 in 5 periodi:
    ciascuno dei periodi è un atto della storia. Si consiglia di concludere ciascun atto con una crisi
  5. Raccontate adesso l’intera storia dal punto di vista di ciascun personaggio:
    questa fase è molto importante e vi aiuterà a scoprire aspetti della storia di cui non eravate consapevoli. Ricordate di rimanere nel punto di vista del personaggio.
  6. Adesso che la storia si è arricchita, e che sapete quello che i personaggi vogliono, potete sviluppare il piano narrativo in 5 atti che avete elaborato al punto 4:
    aggiungete ulteriori moduli all’ossatura iniziale. Fare attenzione ai nessi logici fra le varie parti della storia.
  7. Tornate ai personaggi: approfonditene la caratterizzazione e i cambiamenti.
  8. Fate qundi una lista delle singole scene (o episodi, o capitolo) che compongono la vostra storia. A questo scopo potete usare una tabella a più colonne: ad esempio nella prima colonna fate un breve riassunto di ogni scena. Nella seconda colonna specificate il punto di vista da cui la scena è narrata.
    Potete aggiungere anche altre colonne che vi facilitino il lavoro, come il nome dei capitoli o quanto possa esservi utile ad ottenere chiarezza.
    Questa tabella costituisce la scaletta in base alla quale potete redarre l’opera.
  9. Stampate la tabella, mettetela in bella vista vicino al vostro monitor e iniziate a scrivere !