Ecco i vincitori di Fai viaggiare la tua storia 2022 – Libromania

Il 20 maggio 2022, nell’ambito di una manifestazione presso il Salone del libro di Torino, sono stati proclamati i vincitori del concorso Fai viaggiare la tua storia, indetto da Libromania in collaborazione con De Agostini Libri.

Qui il comunicato ufficiale del gruppo editoriale.

Questi sono i vincitori della pubblicazione in digitale

Primo classificato è Nel nome della madre, di Maria Cristina Grella

LIBRERIA VIRTUALE RECENSIONI
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

IoScrittore 2022: i 400 semifinalisti

Aggiornamento 18.06.2022

Sono stati appena resi noti i nomi delle 400 opere che passano alla fase successiva dell’edizione 2022 del torneo.

Qui l’elenco completo.

Che cos’è il torneo Io Scrittore?

Il torneo IoScrittore è uno dei più importanti concorsi per scrittori emergenti e no. Viene organizzato dal gruppo editoriale GeMS, di cui fanno parte casi editrici come Longanesi, Guanda, Corbaccio, TEA, Salani, Newton Compton.

Nonostante i difetti, questo concorso rappresenta una delle poche opportunità per farsi notare da grandi case editrici.

Gli organizzatori fanno bene a chiamarlo “torneo” e non concorso: infatti la prima scrematura delle opere in gara non viene fatta da professionisti dell’editoria, ma dai concorrenti stessi, che hanno praticamente la possibilità di escludersi a vicenda.

Come si svolge il torneo?

Il torneo si articola in quattro fasi.

I fase: ogni partecipante inoltra un estratto di fino a 60.000 battute della propria opera (scadenza: 7 aprile 2022).

II fase: ogni partecipante riceve ca. 10 incipit di altri concorrenti, che dovrà valutare entro il 31 maggio. La valutazione deve articolarsi in un giudizio verbale e in 4 voti assegnati secondo criteri prestabiliti (trama, originalità, personaggi, ortografia).

III fase: in base a questi voti vengono selezionate 400 opere, che dovranno essere inoltrate per intero entro il 14 luglio.

IV fase: entro la metà di novembre vengono proclamati 10 finalisti.

Nel bando del 2022 viene promessa

1) la pubblicazione in ebook e print on demand per i 10 vincitori sotto il marchio IoScrittore

2) la pubblicazione in cartaceo con una delle case editrici del gruppo GeMS per uno o più autori fra tutti gli iscritti al torneo.

Fate attenzione alla lettera del punto 2: significa che non sarà necessariamente una delle opere vincitrici a essere pubblicata in cartaceo, ma una o più opere scelte fra tutte quelle iscritte. Praticamente gli organizzatori si riservono di pubblicare a loro piacimento.

Sempre a detta degli organizzatori, sembra che gli editor delle case editrici del gruppo esaminino i primi 50 classificati.

Vale la pena partecipare? Sebbene le opinioni siano contrastanti, il torneo presenta alcuni pro: è completamente gratuito, consente di far valutare la propria opera da altri lettori, e di farsi notare dagli addetti delle case editrici del gruppo GeMS, possibilità normalmente preclusa agli scrittori esordienti. 

Lo svantaggio? Nella fase iniziale verrete valutati dai vostri stessi concorrenti. E i vostri concorrenti avranno la tentazione di stroncare il vostro testo, in particolare se lo ritengono meritevole. Si tratta di un comportamento umano. Per cui dovrete affidarvi alla fortuna di trovare lettori non soltanto competenti, ma anche onesti.

Il mio consiglio? Partecipate, ma non fatevi illusioni. È già successo che nella prima fase siano state scartate opere che poi hanno vinto importanti concorsi. Nel caso fortunato che arriviate fra i dieci finalisti, fate attenzione al tipo di pubblicazione che vi viene offerto: se non si fa avanti una casa editrice per pubblicarvi in cartaceo, potete sempre rifiutare la sola opzione digitale.

Per ulteriori informazioni e curiosità sul torneo si rimanda al gruppo Facebook a cui aderiscono molti partecipanti.

17.12.2021 I vincitori del cartaceo

Oggi l’organizzazione del torneo IoScrittore ha comunicato i titoli che hanno vinto la pubblicazione in cartaceo dell’edizione 2021. Eccoli: 

L’eredità della primogenita, che uscirà per Garzanti

A che distanza è il cielo, che sarà pubblicato da TEA

Tito degli alberi, anch’esso prescelto da TEA

Aggiornamento 19.11.2021: i 10 vincitori

Questi sono i titoli dei romanzi vincitori dell’edizione 2021

A che distanza è il cielo

Il grande scherzo

L’erebo della cicala

L’eredità della primogenita

L’estate sospesa

La contea. Storia d’arme e d’amore in terra d’Otranto

La goccia che cambiò la Storia

La rosa e il drago

Tito degli alberi

Triplo delitto

Novità: quest’anno è stato assegnato un premio supplementare (il premio Taobuk) al romanzo L’eredità della primogenita.

 
***

Con una comunicazione informale, gli organizzatori del concorso hanno reso noto che i partecipanti dell’edizione 2021 sono più di 3000 (o di 5000, come si evince da una comunicazione successiva).

Per ora è l’unica cosa che sappiamo. La segretezza è tipica di questo torneo: si ricordi che il numero di partecipanti dell’edizione 2020 (oltre 5600) fu reso noto l’anno scorso soltanto al momento della proclamazione dei vincitori, il 13 ottobre 2020. 

La segretezza non riguarda soltanto i partecipanti: anche i nomi dei vincitori vengono resi noti con una certa reticenza. Guardate per esempio come fu proclamata la vittoria di Ilaria Tuti nel 2016

La segretezza è però un motivo per non disperare: è ripetutamente successo che, grazie al torneo, siano stati scoperti e pubblicati autori che non erano entrati in finale. Significa che le scelte editoriali importanti vengono operate in sordina, senza tanta pubblicità.

Click to rate this post!
[Total: 2 Average: 5]

Classifiche libri: quanto vendono i libri davvero?

Questo articolo vuole essere di aiuto nell’interpretazione delle classifiche dei libri più venduti che vengono pubblicate settimanalmente da vari quotidiani (fra cui La Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa).

Innanzitutto occorre tenere presente che le classifiche non comprendono

  • i dati dei libri venduti su Amazon.
  • i dati relativi agli ebook venduti

Amazon non rende infatti pubblici questi dati.

Considerando che secondo dati diffusi dall’Associazione Italiana Editori le vendite online costituiscono ormai il 40 % di tutte le vendite di libri, si intuisce il grado di distorsione delle classifiche pubblicate.

Un’altra cosa che le classifiche dei quotidiani non ci dicono è il numero di copie vendute da ciascun libro. Si tratta di dati tenuti segreti dalle case editrici e che si possono ottenere soltanto a pagamento. I dati sono così segreti, che nei contratti editoriali è spesso prevista una clausola in cui l’autore si impegna a non violare la segretezza sui dati di vendita.

Le classifiche ci dicono soltanto quanto un libro ha venduto rispetto ad altri libri.

Osserviamo per esempio una classifica pubblicata alcuni mesi fa dal Corriere della Sera (N.B.: non si tratta di una classifica attuale)

Come si legge questa classifica?

Al primo posto troviamo il libro di Camilla Boniardi: osservando la colonna a sinistra, notiamo che a esso è associato il numero 100.

Al secondo posto troviamo Madeleine Miller: a questo libro è associato il numero 19.

Ciò significa che il libro della Miller ha venduto il 19% di copie rispetto al libro primo classificato (in questo caso il libro della Boniardi).

Al quarto posto troviamo il libro di Alessandro Barbera, con il 18 % di copie rispetto al libro della Boniardi.

La classifica procede in questo modo, fino alla posizione numero 10, che ha venduto il 13 % di copie rispetto al libro della Boniardi.

Sono dati molto interessanti. Per esempio salta agli occhi il fatto che fra il primo e il secondo libro classificato c’è una differenza di più dell’80%.

Ma quali sono le cifre assolute? Esse non vengono rese pubbliche e possiamo soltanto stimarle.

Invece di rendere pubblici i dati di vendita, le case editrici spesso si vantano di dati di vendita a scopo pubblicitario. Avrete certamente letto fascette o annunci pubblicitari con su scritto

PIÙ DI …..MILA COPIE VENDUTE

La realtà dei dati è più modesta: anche se talvolta compaiono sul mercato bestseller che vendono molto, tutti gli altri libri immessi sul mercato (anche da grandi case editrici) presentano vendite molto più basse. È quello che risulta anche dalla classifica soprastante.

Supponiamo che la Boniardi abbia venduto 10000 copie in una settimana. Ciò significa che il secondo classificato ha venduto 1900 copie. Una bella differenza, non trovate?

Se poi il primo classificato ha realizzato vendite più basse, saranno basse anche le vendite dei libri che lo seguono in classifica.

In assenza di bestseller, è possibile che entri in classifica un libro che ha realizzato vendite soltanto modeste.

Per questo le classifiche dei libri più venduti, oltre a essere distorte alla fonte perché non comprensive del 40% del mercato (Amazon), vanno prese con le pinze.

Il lettore potrebbe avere un quadro più veritiero se sapesse quante copie ha venduto il primo classificato.

Impossibile? Non del tutto.

Esiste uno strumento di Amazon che ci permette di stimare le vendite di un libro in base a un indice che Amazon indica per ogni libro: la Posizione nella classifica Bestseller di Amazon

Questo strumento si chiama Amazon Sales Estimator Tool.

Basta collegarsi al suddetto sito web e inserire nella tabella il mercato (Italia), la categoria (libri) e il numero che indica la Posizione nella classifica Bestseller di Amazon

Trovate questo numero sotto i Dettagli di ogni libro.

Tenete presente che lo strumento fornisce stime approssimative, da usarsi solo a titolo orientativo.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]