Classifiche libri: quanto vendono i libri davvero?

Questo articolo vuole essere di aiuto nell’interpretazione delle classifiche dei libri più venduti che vengono pubblicate settimanalmente da vari quotidiani (fra cui La Repubblica, Il Corriere della Sera, La Stampa).

Innanzitutto occorre tenere presente che le classifiche non comprendono

  • i dati dei libri venduti su Amazon.
  • i dati relativi agli ebook venduti

Amazon non rende infatti pubblici questi dati.

Considerando che secondo dati diffusi dall’Associazione Italiana Editori le vendite online costituiscono ormai il 40 % di tutte le vendite di libri, si intuisce il grado di distorsione delle classifiche pubblicate.

Un’altra cosa che le classifiche dei quotidiani non ci dicono è il numero di copie vendute da ciascun libro. Si tratta di dati tenuti segreti dalle case editrici e che si possono ottenere soltanto a pagamento. I dati sono così segreti, che nei contratti editoriali è spesso prevista una clausola in cui l’autore si impegna a non violare la segretezza sui dati di vendita.

Le classifiche ci dicono soltanto quanto un libro ha venduto rispetto ad altri libri.

Osserviamo per esempio una classifica pubblicata alcuni mesi fa dal Corriere della Sera (N.B.: non si tratta di una classifica attuale)

Come si legge questa classifica?

Al primo posto troviamo il libro di Camilla Boniardi: osservando la colonna a sinistra, notiamo che a esso è associato il numero 100.

Al secondo posto troviamo Madeleine Miller: a questo libro è associato il numero 19.

Ciò significa che il libro della Miller ha venduto il 19% di copie rispetto al libro primo classificato (in questo caso il libro della Boniardi).

Al quarto posto troviamo il libro di Alessandro Barbera, con il 18 % di copie rispetto al libro della Boniardi.

La classifica procede in questo modo, fino alla posizione numero 10, che ha venduto il 13 % di copie rispetto al libro della Boniardi.

Sono dati molto interessanti. Per esempio salta agli occhi il fatto che fra il primo e il secondo libro classificato c’è una differenza di più dell’80%.

Ma quali sono le cifre assolute? Esse non vengono rese pubbliche e possiamo soltanto stimarle.

Invece di rendere pubblici i dati di vendita, le case editrici spesso si vantano di dati di vendita a scopo pubblicitario. Avrete certamente letto fascette o annunci pubblicitari con su scritto

PIÙ DI …..MILA COPIE VENDUTE

La realtà dei dati è più modesta: anche se talvolta compaiono sul mercato bestseller che vendono molto, tutti gli altri libri immessi sul mercato (anche da grandi case editrici) presentano vendite molto più basse. È quello che risulta anche dalla classifica soprastante.

Supponiamo che la Boniardi abbia venduto 10000 copie in una settimana. Ciò significa che il secondo classificato ha venduto 1900 copie. Una bella differenza, non trovate?

Se poi il primo classificato ha realizzato vendite più basse, saranno basse anche le vendite dei libri che lo seguono in classifica.

In assenza di bestseller, è possibile che entri in classifica un libro che ha realizzato vendite soltanto modeste.

Per questo le classifiche dei libri più venduti, oltre a essere distorte alla fonte perché non comprensive del 40% del mercato (Amazon), vanno prese con le pinze.

Il lettore potrebbe avere un quadro più veritiero se sapesse quante copie ha venduto il primo classificato.

Impossibile? Non del tutto.

Esiste uno strumento di Amazon che ci permette di stimare le vendite di un libro in base a un indice che Amazon indica per ogni libro: la Posizione nella classifica Bestseller di Amazon

Questo strumento si chiama Amazon Sales Estimator Tool.

Basta collegarsi al suddetto sito web e inserire nella tabella il mercato (Italia), la categoria (libri) e il numero che indica la Posizione nella classifica Bestseller di Amazon

Trovate questo numero sotto i Dettagli di ogni libro.

Tenete presente che lo strumento fornisce stime approssimative, da usarsi solo a titolo orientativo.

Please follow and like us:
Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

IoScrittore 2021: più di 3000 partecipanti

17.12.2021 I vincitori del cartaceo

Oggi l’organizzazione del torneo IoScrittore ha comunicato i titoli che hanno vinto la pubblicazione in cartaceo dell’edizione 2021. Eccoli: 

L’eredità della primogenita, che uscirà per Garzanti

A che distanza è il cielo, che sarà pubblicato da TEA

Tito degli alberi, anch’esso prescelto da TEA

Aggiornamento 19.11.2021: i 10 vincitori

Questi sono i titoli dei romanzi vincitori dell’edizione 2021

A che distanza è il cielo

Il grande scherzo

L’erebo della cicala

L’eredità della primogenita

L’estate sospesa

La contea. Storia d’arme e d’amore in terra d’Otranto

La goccia che cambiò la Storia

La rosa e il drago

Tito degli alberi

Triplo delitto

Novità: quest’anno è stato assegnato un premio supplementare (il premio Taobuk) al romanzo L’eredità della primogenita.

 
***

Con una comunicazione informale, gli organizzatori del concorso hanno reso noto che i partecipanti dell’edizione 2021 sono più di 3000 (o di 5000, come si evince da una comunicazione successiva).

Per ora è l’unica cosa che sappiamo. La segretezza è tipica di questo torneo: si ricordi che il numero di partecipanti dell’edizione 2020 (oltre 5600) fu reso noto l’anno scorso soltanto al momento della proclamazione dei vincitori, il 13 ottobre 2020. 

La segretezza non riguarda soltanto i partecipanti: anche i nomi dei vincitori vengono resi noti con una certa reticenza. Guardate per esempio come fu proclamata la vittoria di Ilaria Tuti nel 2016

La segretezza è però un motivo per non disperare: è ripetutamente successo che, grazie al torneo, siano stati scoperti e pubblicati autori che non erano entrati in finale. Significa che le scelte editoriali importanti vengono operate in sordina, senza tanta pubblicità.

Il torneo si svolge così:

I fase: ogni partecipante inoltra un estratto di fino a 60.000 battute della propria opera (scadenza: 8 aprile 2021).

II fase: ogni partecipante riceve ca. 10 incipit di altri concorrenti, che dovrà valutare entro il 31 maggio. La valutazione deve articolarsi in un giudizio verbale e in 4 voti assegnati secondo criteri prestabiliti (trama, originalità, personaggi, ortografia).

III fase: in base a questi voti vengono selezionate 400 opere, che dovranno essere inoltrate per intero entro il 15 luglio.

IV fase: entro la metà di novembre vengono proclamati 10 finalisti.

Nel bando del 2021 viene promessa

1) la pubblicazione in ebook e print on demand per i 10 vincitori

2) la pubblicazione in cartaceo con una delle case editrici del gruppo GeMS per uno o più autori fra tutti gli iscritti al torneo.

Fate attenzione alla lettera del punto 2: significa che non sarà necessariamente una delle opere vincitrici a essere pubblicata in cartaceo, ma una o più opere scelte fra tutte quelle iscritte. Praticamente gli organizzatori si riservono di pubblicare a loro piacimento.

Sempre a detta degli organizzatori, sembra che gli editor delle case editrici del gruppo esaminino i primi 50 classificati.

Vale la pena partecipare? Sebbene le opinioni siano contrastanti, il torneo presenta alcuni pro: è completamente gratuito, consente di far valutare la propria opera da altri lettori, e di farsi notare dagli addetti delle case editrici del gruppo GeMS, possibilità normalmente preclusa agli scrittori esordienti. 

Lo svantaggio? Nella fase iniziale verrete valutati dai vostri stessi concorrenti. E i vostri concorrenti avranno la tentazione di stroncare il vostro testo, in particolare se lo ritengono meritevole. Si tratta di un comportamento umano. Per cui dovrete affidarvi alla fortuna di trovare lettori non soltanto competenti, ma anche onesti.

Per ulteriori informazioni e curiosità sul torneo si rimanda al gruppo Facebook a cui aderiscono molti partecipanti.

Please follow and like us:
Click to rate this post!
[Total: 2 Average: 5]

Editing e valutazioni: al mercato dei sogni

Se frequentate uno dei numerosi gruppi di scrittura su Facebook e altri forum in rete vi imbatterete nel consiglio, più o meno disinteressato, di far sottoporre il vostro manoscritto a un editing professionale prima di presentarlo a case editrici o concorsi, e anche prima di autopubblicarlo.

Di questo servizio esistono varianti più economiche, come il cosiddetto “editing strutturale” e la “valutazione editoriale”.

In origine l’editing è una prestazione a cura della casa editrice, che revisiona un manoscritto per farlo rispondere alle proprie norme, alla propria linea editoriale e alle esigenze del mercato. Si tratta di una prestazione che può andare dalla semplice “ripassata stilistica” al vero e proprio “ghostwriting”.

Negli ultimi tempi però il mercato è sommerso da un’ampia offerta di servizi editoriali destinata ai privati, cioè ad aspiranti scrittori che pagano di tasca propria.

Per un privato l’editing ha un costo notevole: a meno che non vi imbattiate in un editor bravo che tiene i prezzi bassi a scopo promozionale, un editing di qualità costa almeno 4 euro a cartella. Se avete quindi un manoscritto di 200 cartelle, dovrete affrontare una spesa di 800 euro più imposte e varie.

Si tratta di una spesa che per un autore alle prime armi è praticamente impossibile compensare con le vendite del proprio libro (le rarissime eccezioni confermano la regola).

Eppure sia l’editing sia gli altri servizi editoriali (come la valutazione, che nel 99% dei casi è una spesa a fondo perduto) sono richiesti sul mercato e danno lavoro a molte persone.

Perché? Come è possibile che un gran numero di aspiranti scrittori sia disposto a spendere cifre cospicue senza ritorno economico?

I servizi editoriali agli occhi di un economista

Spesso è utile uscire dalla torre d’avorio degli ambienti letterari per avere una visuale più disincantata di certi fenomeni.

Di seguito cercherò di esaminare il fenomeno della fioritura dei servizi editoriali da un punto di vista prettamente economico.

Il prezzo di una merce o di un servizio non è determinato (come vi fanno credere gli economisti classici) dai costi di produzione, ma da quanto il cliente è disposto a spendere per ottenere quella merce o quel servizio (che di seguito chiameremo ’”prodotto”).

Da che cosa dipende il prezzo che un cliente è disposto a pagare per un prodotto?

1) Dalle aspettative che il prodotto soddisfa o promette di soddisfare

In genere siamo disposti a pagare un prezzo elevato per quei prodotti che ci promettono qualcosa a cui teniamo molto: per esempio la bellezza (come nei caso dei cosmetici) o lo status sociale (come nel caso del cellulare di marca e degli abiti griffati).

Siamo anche disposti a pagare per diventare famosi e per realizzare un sogno.

Un po’ come per i trattamenti cosmetici, che promettono l’eterna giovinezza: il consumatore è disposto a pagare un prezzo alto per la possibilità (anche remota) di realizzare un sogno.

È questa l’esigenza soddisfatta dai servizi editoriali: la realizzazione del sogno di diventare scrittore.

Si tratta di un sogno comune a molte di noi: nella versione più nobile si tratta di dare forma alla propria creatività, nella versione più veniale si tratta di diventare ricchi e famosi, nella versione comune si tratta di sentirsi letti e apprezzati.

Diventare scrittori è un sogno coltivato da molte persone. Sembra che in Italia siano più le persone che scrivono di quelle che leggono. Si pensi che al concorso “IoScrittore” hanno partecipato 5600 concorrenti nel 2020. E che le opere pubblicate nel 2019 sono state circa 78.000 (compresa la microeditoria ed escluse le autopubblicazioni su Amazon).

In base a queste cifre si può dedurre che il numero di potenziali acquirenti di servizi editoriali sia altissimo. E si tratta di clienti che si aspettano niente di meno della realizzazione di un sogno.

È per questo che i servizi editoriali fioriscono e si fanno pagare bene: il consumatore è disposto a pagare cifre altissime per sognare.

2) Il prezzo dipende dalle disponibilità liquide del consumatore

A fare lievitare il prezzo di una merce o di un servizio è anche la pura e semplice disponibilità di denaro presso il consumatore.

È un fatto: un consumatore danaroso non si fa tanti scrupoli a pagare cifre che a un consumatore medio sembrerebbero esagerate. Una persona ricca ha un rapporto diverso con il denaro rispetto a una persona modesta.

Sembra banale, ma la relatività del denaro rispetto alla condizione economica è un fatto che contribuisce a determinare i prezzi di molti prodotti.

Ci sono prodotti che sono in origine destinati a una ristretta categoria di persone: orologi e automobili di certe marche, abiti firmati, le suite di hotel di lusso, gli immobili esclusivi. Coloro che offrono questi prodotti costosissimi non si rivolgono a tutti i consumatori, ma soltanto a una fetta esigua di essi.

La cosa funziona così: io metto in vendita un prodotto a un costo astronomico. Non deve trattarsi di un prodotto eccellente: l’importante è che venga impacchettato in modo tale da rivolgersi a una certa clientela. Il 90% dei consumatori non comprerà il mio prodotto, giudicandolo troppo caro. Ma un 10 % di consumatori, per i quali il denaro non è così importante, e che sono anche attratti dal messaggio elitario trasmesso dal prodotto stesso, acquisterà il prodotto. Quel 10 % basterà a generare il mio profitto (tanto più alto quanto più saranno bassi i costi di produzione del prodotto).

Anche certi servizi editoriali attingono a questo principio: il servizio viene offerto a un prezzo alto, che non tutti possono permettersi (non ci crederete, ma esistono grandi agenzie che chiedono 1000 euro per una valutazione). Tuttavia esiste un 10% di persone che non guarda agli spiccioli: persone benestanti per reddito o patrimonio, che desiderano diventare scrittori.

Queste persone non si fanno tanti problemi a pagare cifre esorbitanti per un servizio di cui non potranno mai coprire i costi.

Un servizio che potrebbe essere anche di qualità scadente: nessuno garantisce al cliente che il servizio acquistato (editing o valutazione editoriale) venga prestato da un professionista e non da uno stagista alle prime armi.

Fra questi servizi editoriali sono anche da annoverare alcune scuole di scrittura molto costose. Le trovate nel mio elenco, accanto ad altre dai costi più contenuti, a dimostrazione del principio di cui sopra.

Le disponibilità economiche di una certa fetta di aspiranti scrittori sono un fattore che contribuisce a tenere vivo il mercato dei servizi editoriali e a farne salire i prezzi.

Utilità e trappole dell’editing

Considerando il contesto economico di cui sopra, alla ricerca di un editor incorrerete probabilmente in una delle seguenti esperienze (dalla migliore alla peggiore):

a) Editor bravo con agganci editoriali: questi editor sono difficili da trovare. In genere gestiscono anche un’agenzia editoriale o di scouting. Non sono soltanto professionisti, ma sono anche ben introdotti fra le case editrici. Il prezzo sarà almeno di 4-5 euro a cartella. Ci sarà una lista di attesa. Non si tratta in genere di scrittori, anzi spesso quella dell’editor è una professione a sé stante.

Da un editor bravo imparerete un sacco di cose. Un editor bravo vi farà acquisire la consapevolezza dei problemi legati alla buona scrittura. La vostra scrittura ne uscirà potenziata. Sarà un’esperienza che vi servirà per la stesura di tutte le vostre opere successive.

Ma non fatevi illusioni: nemmeno un editor bravo e agganciato può fare miracoli. L’editing non trasformerà il vostro manoscritto in un capolavoro.

b) Editor bravo, ma privo di contatti con la grande editoria.

In genere si tratta di editor che tengono anche corsi di scrittura. Come detto sopra, dagli editor bravi si imparano moltissime cose. Il vostro manoscritto ne uscirà rigenerato e pronto per la pubblicazione.

Ma questo tipo di editor non sarà in grado di farvi fare il passo che a voi più preme, cioè una vera pubblicazione. Al massimo potrà presentarvi alla microeditoria (a cui potete tranquillamente arrivare anche senza intermediari).

Questo caso è più frequente di quanto si creda: la grande editoria è un imbuto da cui passano in pochi. Non solo gli autori emergenti, ma anche quelli affermati si accalcano attorno a questo imbuto. Niente di strano che si creino rivalità, invidie e malanimo, di cui sono vittime anche gli editor bravi.

c) Editor mediocre

Purtroppo il mercato è pieno di editor che, nel migliore dei casi, vi offriranno soltanto il minimo sindacale della prestazione. Un editor mediocre darà una ripassata stilistica al vostro manoscritto, senza occuparsi per esempio degli aspetti strutturali del testo.

Per molti editor, revisionare il vostro testo è soltanto un lavoro, da assolvere nel minor tempo possibile.

Se il vostro testo è scadente, le migliorie apportate da un editor mediocre non basteranno a renderlo accettabile. Invece un editor serio vi inviterà a fare modifiche così radicali, che praticamente dovrete riscrivere il testo da capo. Ma attenzione: lo farà soltanto se lo avete pagato bene o se è un idealista.

Dopo un editing mediocre la percezione che il lettore avrà del vostro testo non sarà molto diversa da quella del testo originario.

d) Editor sedicente

Se poi siete sfortunati, incapperete in sedicenti editor che non hanno alcuna preparazione per affrontare i problemi stilistici e strutturali di un manoscritto. Sarà uno spreco di denaro.

Da cosa si riconoscono? Dal fatto che il loro nome non compare sulla copertina di libri che hanno avuto successo di vendite o di critica. Cercate di procurarvi una lista delle opere già curate dall’editor con cui volete lavorare. Controllate il nome dell’editor sulle copertine dei libri.

***

In conclusione: non riponete speranze illusorie nell’editing. L’editing è utile in primo luogo come scuola di scrittura. Soltanto un editor bravo avrà la pazienza e l’onestà di fornirvi questo servizio. Ma allora: perché non frequentare una scuola di scrittura da subito?

Alternative all’editing

Lo ripeto anche in questa sede: prima di spendere soldi per servizi editoriali come l’editing o la semplice valutazione, la cosa più sensata è frequentare un corso di scrittura creativa.

Non dovete iscrivervi a quelli costosi: ce ne sono di ottimi a buon mercato.

Informatevi sui docenti dei corsi: i corsi indetti da editor affermati non servono soltanto a imparare le tecniche narrative, ma anche ad allacciare contatti con il mondo editoriale.

Se proprio volete pagare una grossa agenzia per una valutazione editoriale, fatelo soltanto dopo avere fatto un corso.

Potete anche studiare da autodidatti: sul mercato ci sono molti manuali di scrittura creativa. Ne ho scritto uno anche io. Se sapete l’inglese, studiate sui manuali dei maestri americani, che sono i migliori.

È poi l’esercizio che fa il maestro: per imparare a scrivere dovete leggere molto e scrivere molto.

Prendete cinque romanzi del genere in cui vi apprestate a scrivere, esaminatene la struttura. Copiateli, per esercizio.

L’apprendimento dovrà consistere di una parte teorica (lo studio sui manuali) e di una parte pratica (esercitarsi tutti i giorni, prendendo a modello scrittori noti).

Un corso di scrittura creativa, che preveda anche esercitazioni, è una scorciatoia, in cui sarete guidati da persone in grado di indirizzare il vostro talento.

Ma anche un percorso di autoapprendimento può essere gratificante e sortire l’effetto voluto. Se possedete l’autodisciplina occorrente per studiare tutti i giorni, e poi scrivere almeno 500 parole ogni giorno, allora è il percorso che fa per voi.

Please follow and like us:
Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]